Siamo indipendenti ma possiamo ricevere commissioni se acquisti una VPN tramite certi link.

Come sbloccare i siti web con o senza VPN

Simon Migliano è un esperto mondiale di VPN. Ha testato centinaia di VPN e le sue ricerche sono state citate da La Repubblica, il Corriere della Sera, La Stampa, e molti altri quotidiani italiani.

Verificato da Callum Tennent

Il nostro verdetto

Il modo più efficace per sbloccare siti web bloccati è di usare una rete privata virtuale (VPN). Le VPN sono facili da usare e cambiano il tuo indirizzo IP, dandoti accesso a contenuti con restrizioni geografiche su vari dispositivi. Per sbloccare i siti web senza una VPN, puoi utilizzare un proxy web, un proxy Smart DNS, o il browser Tor, anche se sono meno efficaci.

How to unbloc

I siti web possono essere bloccati dai governi, ISP, titolari di copyright, gestori dei siti e amministratori di rete a scuola, all’università e al lavoro. Infatti, pur non essendo uno dei Paesi con la più alta censura al mondo, l’Italia blocca numerosi siti web.

In genere, questi blocchi si basano sull’indirizzo IP, sulla posizione geografica o sulla rete locale.

Fortunatamente, esistono decine di strumenti e metodi diversi che puoi utilizzare per sbloccare un sito web, se ne hai bisogno, sia che tu sia in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo. Potresti dover utilizzare alcuni di questi metodi anche se ti trovi in Italia e hai intenzione di viaggiare in un paese ad alta censura.

Abbiamo testato oltre 20 metodi diversi per trovare quelli più efficaci per sbloccare i siti web da qualsiasi parte del mondo. In base ai nostri risultati, solo cinque metodi meritano di essere consigliati.

Sommario: 5 metodi efficaci per sbloccare i siti web

  1. Usare una rete privata virtuale (VPN): il modo migliore per sbloccare i siti web in generale.
  2. Usare un Proxy web: il modo più veloce per sbloccare un sito web senza una VPN.
  3. Usare un’estensione proxy per i browser: uno strumento gratuito adatto ai principianti per sbloccare i siti.
  4. Usare un Servizio Smart DNS: il miglior strumento per sbloccare i siti web sulle Smart TV.
  5. Usare il Browser Tor: un modo altamente sicuro e anonimo per accedere ai siti censurati.

Una VPN è lo strumento più efficace per sbloccare i siti web utilizzando qualsiasi browser. Il software VPN aggira anche i blocchi dei siti web più severi, è molto facile da configurare su quasi tutti i dispositivi e offre velocità di connessione elevate.

Breve riassunto: come sbloccare i siti web usando una VPN

  1. Scegli una VPN e installala sul tuo dispositivo. Se hai bisogno di aiuto per sceglierne una, leggi i nostri ultimi consigli sulle VPN.
  2. Apri l’app VPN e seleziona la posizione del server. Se stai cercando di sbloccare contenuti con restrizioni geografiche, seleziona un server nel paese desiderato.
  3. Collegati alla posizione del server. Puoi eseguire un test dell’indirizzo IP per verificare che sia cambiato.
  4. Apri il sito web bloccato. Il sito a cui stai cercando di accedere sarà ora sbloccato.

In questa guida ti spiegheremo anche come sbloccare i siti web senza una VPN, utilizzando strumenti alternativi che abbiamo accuratamente testato. Illustreremo i punti di forza e di debolezza di ogni strumento.

Ti spiegheremo anche quale metodo utilizzare a seconda del tuo dispositivo. Ti mostreremo come sbloccare i siti web su Mac, Windows, iPhone, Android, Chrome, Firefox e sulla Smart TV.

Per aggirare le restrizioni dei siti web a scuola e all’università, leggi le nostre istruzioni specifiche su come sbloccare i siti web a scuola.

5 metodi efficaci per sbloccare siti web

In definitiva, il metodo migliore per sbloccare un sito web dipenderà dal tipo di blocco in atto e dalla motivazione che lo sottende.

Dopo aver testato 20 metodi diversi, abbiamo riassunto i migliori metodi per sbloccare i siti web, insieme ai loro punti di forza e di debolezza, nella tabella seguente.

Metodo Efficacia Facilità di configurazione È necessario un download? Velocità di connessione Privacy e sicurezza  Gratuito o a pagamento?
VPN Molto alta Facile Veloce Alta Gratuito o a pagamento
Proxy web Moderata Molto facile No Veloce Bassa Gratuito
Estensione proxy Alta Facile Moderata Moderata Gratuito o a pagamento
Browser Tor Moderata Difficile Molto lenta Alta Gratuito
Smart DNS Moderata Difficile No Veloce Bassa A pagamento

In generale, abbiamo scoperto che l’utilizzo di una VPN è il modo migliore per accedere a siti web a casa, al lavoro e nei Paesi ad alta censura.

Una VPN è anche il modo migliore per accedere a contenuti con restrizioni geografiche fuori dal tuo Paese.

Tuttavia, una VPN non è necessariamente l’opzione migliore in ogni situazione.

Ad esempio, se hai fretta, il modo più veloce per sbloccare un sito web è utilizzare un proxy web gratuito. Se invece l’anonimato è la tua priorità, potrebbe essere meglio utilizzare il browser Tor.

In definitiva, il modo migliore per sbloccare i siti web dipende dal tipo di blocco e dalle tue priorità.

Nel resto di questa sezione daremo uno sguardo più dettagliato a ciascun metodo.

1. Rete Virtuale Privata (VPN)

Vantaggi Svantaggi 
Aggira ogni tipo di blocco dei siti web Le buone VPN prevedono un costo di abbonamento mensile
Crittografa il tuo traffico web Devi iscriverti e scaricare il software prima di poter sbloccare un sito web
Offre un’ampia gamma di posizioni dei server Impatto minimo sulla velocità di connessione
Protegge tutto il traffico in entrata e in uscita dal tuo dispositivo Le VPN di bassa qualità possono registrare la tua attività
Spesso includono un’assistenza clienti dedicata

Una rete privata virtuale (VPN) è un tipo di software progettato per migliorare la tua privacy, la tua sicurezza e la tua libertà online. Secondo i nostri test, utilizzare una VPN è il metodo più efficace e affidabile per visitare siti web bloccati.

Le app VPN sono disponibili su una serie di dispositivi diversi, il che significa che è anche il metodo più versatile. Puoi utilizzare una VPN per accedere a contenuti bloccati sul tuo cellulare, sul tuo computer o persino sulla tua Smart TV.

Streaming del Channel 4 con ExpressVPN

ExpressVPN sblocca Channel 4 su dispositivi desktop, mobili e domestici.

Le VPN funzionano crittografando il tuo traffico web e instradandolo attraverso un server VPN remoto. In questo modo nascondono il tuo indirizzo IP e la tua posizione geografica ai siti web che visiti.

Inoltre, impediscono al tuo provider di servizi internet (ISP), al governo e all’amministratore del Wi-Fi (ad esempio, a casa, al lavoro o sul Wi-Fi pubblico) di monitorare la tua attività di navigazione.

Le VPN sono lo strumento più efficace per aggirare i blocchi dei siti web per tre motivi principali:

1. La crittografia VPN sblocca i siti web bloccati per URL o nome di dominio

Gli ISP, i governi e gli amministratori di rete spesso bloccano i siti web utilizzando una “lista nera” di URL o nomi di dominio specifici. La crittografia VPN impedisce a questi sistemi di vedere i siti web a cui ti stai connettendo, il che significa che non possono bloccare la tua connessione.

Le VPN sono quindi eccellenti per sbloccare i siti web al lavoro e per aggirare la censura online in paesi come la Cina o la Russia. Spesso, le migliori VPN dispongono di server offuscati progettati appositamente per sbloccare siti web bloccati in Paesi con forte censura.

2. Nascondendo il tuo indirizzo IP, una VPN sblocca i contenuti con restrizioni geografiche

Alcuni siti web contengono contenuti riservati a determinate aree geografiche. Quando visiti questi siti web, questi utilizzano il tuo indirizzo IP per determinare la tua posizione e bloccarti di conseguenza.

Quando ti connetti a un server VPN in una posizione diversa, sostituisci temporaneamente il tuo indirizzo IP e mascheri la tua posizione geografica. Questo ti permette di sbloccare i siti che non sono disponibili nella tua area geografica.

In questo modo potrai dunque sbloccare contenuti con restrizioni geografiche su piattaforme come HBO Max, BBC iPlayer o Hotstar. Puoi sbloccare altro materiale di streaming su siti come Netflix o Disney Plus e aggirare le restrizioni di copyright su YouTube e Twitter. Quindi, se ti trovi in Italia e vuoi sbloccare un servizio di streaming che non è disponibile nel tuo Paese, dovresti provare una VPN.

3. Le VPN possono essere scaricate su quasi tutti i dispositivi

Puoi facilmente utilizzare una VPN per sbloccare siti web e servizi di streaming su laptop, cellulari o tablet. Sono disponibili anche estensioni VPN dedicate per browser specifici, il che significa che puoi accedere rapidamente a contenuti limitati su Chrome, Firefox o Edge.

Il principale svantaggio di una VPN è il costo. Un abbonamento a una VPN di buona qualità costa circa 3,75 € al mese. Esistono VPN gratuite, ma spesso sono estremamente limitate o addirittura pericolose.

Le VPN non sono l’opzione migliore per sbloccare rapidamente i siti web. Il processo di registrazione e di installazione del software VPN sul tuo dispositivo può richiedere alcuni minuti, il che non è l’ideale se stai cercando di accedere immediatamente a una pagina web riservata.

CONSIGLIO DEGLI ESPERTI: Se non hai il permesso di installare un’applicazione VPN su un computer pubblico o un dispositivo di lavoro, ti consigliamo invece di utilizzare un proxy web o un servizio Smart DNS.

Come sbloccare i siti web bloccati con una VPN: istruzioni passo pass

Dimostrazione di come sbloccare i siti web utilizzando ExpressVPN.

Di seguito sono riportate le istruzioni passo passo su come utilizzare una VPN per sbloccare i siti web:

  1. Scegli una VPN affidabile, come ExpressVPN (la VPN con la valutazione più alta nel 2024).
  2. Seleziona il piano di pagamento che preferisci. Più lungo è il piano, più conveniente è il canone mensile.
  3. Installa la VPN. Per la maggior parte dei dispositivi, puoi configurare una VPN scaricando semplicemente l’applicazione corrispondente.
  4. Apri l’applicazione VPN. Potrebbe essere necessario verificare il tuo account la prima volta che la apri.
  5. Scegli la posizione del server. Trova un server VPN in una posizione che sblocchi il sito web che stai cercando.
  6. Seleziona Connetti. La tua connessione sarà ora instradata attraverso quel server VPN. Potrai sbloccare i siti web e navigare in privato.

Dovrei usare una VPN per sbloccare i siti?

Usa una VPN se:

  • Vuoi sbloccare siti web a lungo termine (ad esempio in viaggio).
  • Vuoi aggirare le restrizioni geografiche (ad esempio, sulle piattaforme di streaming).
  • Vuoi sbloccare siti web su un dispositivo mobile.
  • Ti preoccupi per la tua privacy e sicurezza online.

Non usare una VPN per:

  • Sbloccare velocemente una singola pagina web. Usa invece un proxy web.
  • Sbloccare servizi di streaming su Smart TV o console per i videogiochi. Usa invece uno Smart DNS.
  • Navigare su un computer pubblico o un dispositivo di lavoro, dove non hai i permetti necessari per scaricare un’app VPN.

2. Proxy web

Vantaggi Svantaggi
Estremamente semplice da usare Non funziona per i contenuti in streaming, compresi YouTube e Netflix
Non richiede alcuna configurazione o installazione manuale La maggior parte dei proxy non sono crittografati, quindi gli ISP e gli amministratori di rete possono comunque vedere la tua attività
Gratuito da usare Non protegge alcuna attività al di fuori della scheda del browser in cui ti trovi.
Funziona per sbloccare contenuti testuali con restrizioni geografiche Noto per iniettare pubblicità e talvolta persino malware nella sessione di navigazione
I buoni provider di proxy ti permettono di scegliere la posizione del server I proprietari dei siti web e gli amministratori di rete a volte bloccano i siti web proxy

Il modo più veloce per sbloccare un semplice sito web è quello di utilizzare un proxy web. Per farlo, è sufficiente inserire l’URL da sbloccare, premere invio e il contenuto bloccato dovrebbe apparire.

Testando le velocità del proxy di Hide.me su macOS

Testiamo i siti proxy usando il nostro strumento privato di test della velocità.

Come una VPN, un proxy web funziona instradando il tuo traffico web attraverso un server proxy remoto nel percorso verso il sito web desiderato.

Questo ha l’effetto di sostituire temporaneamente il tuo indirizzo IP con l’indirizzo IP del server proxy, nascondendo di fatto la tua posizione fisica al sito web che stai visitando. Quindi, se ti trovi in Italia, riuscirai a nascondere il tuo indirizzo IP italiano.

Un server proxy nasconde la tua posizione fisica.

Un server proxy nasconde la tua posizione fisica.

Puoi quindi utilizzare un proxy web per accedere a siti web che non sono disponibili nella tua area geografica. Alcuni proxy web ti permettono anche di scegliere la posizione del server proxy, proprio come una VPN.

Un altro vantaggio è che non devi scaricare o installare nulla per utilizzare un proxy web: basta navigare sul sito web del proxy nel tuo browser e inserire l’URL.

Questo fa sì che l’utilizzo di un proxy web sia l’opzione più valida per aprire siti web bloccati sui computer pubblici,ad esempio al lavoro o in una biblioteca pubblica.

I proxy web tendono ad essere gratuiti. Sfortunatamente, questo significa che spesso presentano alcuni svantaggi operativi di cui dovresti essere consapevole:

  • Nessuna crittografia: la maggior parte dei proxy web non crittografa la tua connessione. Questo significa che i governi, gli ISP e gli amministratori di rete possono monitorare la tua attività e bloccare la tua connessione, se lo desiderano.
  • Protezione in una sola scheda: a differenza di una VPN, un proxy web non reindirizza il traffico al di fuori della scheda del browser in cui viene utilizzato. Ciò significa che dovrai navigare verso l’URL del proxy web ogni volta che aprirai una nuova scheda.
  • Problemi di privacy e sicurezza: alcuni proxy web tracciano la tua attività e vendono queste informazioni agli inserzionisti e ad altre terze parti. Molti inseriscono anche pubblicità nella tua sessione di navigazione e alcuni sono noti per infettare gli utenti con malware.
  • Nessun contenuto multimediale: un proxy web raramente ti dà accesso a contenuti video o audio. Nei nostri test, non siamo riusciti a trovare un solo proxy che sbloccasse il materiale in streaming limitato su Netflix o YouTube.

Come sbloccare i siti web con un proxy web: istruzioni passo passo

Ecco le istruzioni passo passo su come sbloccare i siti web utilizzando un proxy web:

  1. Naviga verso un sito di proxy web nel tuo browser. Noi consigliamo di usare il proxy di Hide.me.
  2. Digita l’URL che vuoi sbloccare.
  3. Seleziona la posizione del proxy. Scegli un paese in cui il sito web a cui stai cercando di accedere non è soggetto a restrizioni.
  4. Fai clic su “visita in modo anonimo”. Il sito web dovrebbe apparire sbloccato sullo schermo.

Dovrei usare un proxy web per sbloccare i siti?

Usa un proxy web se:

  • Vuoi accedere a pagine web testuale bloccata, come un articolo di giornale o una pagina di wikipedia.
  • Non hai i permessi per scaricare software o estensioni del browser sul dispositivo che stai utilizzando, ad esempio sui PC pubblici, sui computer del lavoro o sui chromebook della scuola.

Non usare un proxy web se:

  • Stai condividendo informazioni sensibili o personali.
  • Vuoi accedere a contenuti multimediali bloccati, come siti web di streaming video.
  • Non vuoi che l’amministratore del Wi-Fi del tuo lavoro o della scuola veda quello che stai facendo online
  • Sei preoccupato per la tua privacy e sicurezza online.

3. Estensione proxy per i browser

Vantaggi Svantaggi
Solitamente gratuita Crittografia più debole rispetto a una VPN “completa”
Comoda da usare dopo il processo di configurazione iniziale Alcune estensioni proxy mostrano pubblicità
Può talvolta sbloccare contenuti di streaming Proteggono solo il traffico del browser
Una serie di posizioni di server tra cui scegliere Le estensioni non sono disponibili sui dispositivi mobili
Disponibile in Chrome, Firefox e Microsoft Edge

Un’estensione proxy per i browser browser è essenzialmente una via di mezzo tra una VPN e un proxy web.

Invece di scaricare un software direttamente sul tuo dispositivo o di navigare verso l’URL di un proxy web, un’estensione del browser proxy prevede l’installazione di un’estensione o di un componente aggiuntivo nel tuo browser. Potrai quindi utilizzare l’estensione del browser per accedere ai siti web con restrizioni geografiche.

Le estensioni proxy del browser funzionano più o meno come un proxy web o una VPN. Quando vengono attivate, le attività del tuo browser vengono instradate attraverso un server proxy remoto che ha l’effetto di nascondere il tuo vero indirizzo IP ai siti web che visiti. In questo modo si sbloccano i siti che ti bloccano in base al tuo indirizzo IP o alla tua posizione fisica.

Il menu principale dell'estensione Chrome di CyberGhost

L’estensione Chrome di CyberGhost.

Le estensioni proxy del browser non sono veloci da configurare come un proxy web, ma abbiamo scoperto che sono generalmente più efficaci e affidabili per sbloccare i siti web. Ad esempio, abbiamo scoperto che la maggior parte delle estensioni proxy ti permette di guardare in streaming i video di YouTube con restrizioni geografiche, mentre la maggior parte dei proxy web non lo fa.

D’altro canto, le estensioni proxy non sono sicure come una VPN. La maggior parte delle estensioni utilizza al massimo la crittografia HTTPS, il che significa che i domini che visiti potrebbero essere visibili a terzi.

Inoltre, molte estensioni sono gratuite solo perché guadagnano vendendo i tuoi dati di navigazione o inserendo pubblicità nella tua sessione.

Google sostiene di controllare tutte le estensioni presenti in Chrome, ma i componenti aggiuntivi non sicuri sfuggono regolarmente ai controlli, come l’estensione Chrome di Hola VPN.

Per questo motivo ti consigliamo di non utilizzare alcun tipo di proxy per attività sensibili che comportano la condivisione di informazioni finanziarie, mediche o comunque personali: non puoi mai essere sicuro di chi ti guarda.

Detto questo, sono disponibili estensioni proxy di buona qualità su Chrome, Firefox ed Edge. Tuttavia, tieni presente queste estensioni non possono essere scaricate sui browser nei dispositivi mobili.

Come sbloccare i siti web con un’estensione proxy: istruzioni passo passo

Istruzioni passo passo su come sbloccare i siti web su Chrome con un’estensione proxy del browser:

  1. Apri Chrome sul tuo dispositivo.
  2. Selezione l’icona Altro. Su Mac, sono i tre puntini verticali nell’angolo in alto a destra.
  3. Alla voce Altri strumenti, fai clic su Estensioni.
  4. Fai clic sull’icona Hamburger. Su Mac, si trova nell’angolo in alto a sinistra.
  5. Seleziona Apri Chrome Web Store.
  6. Digita il nome dell’estensione proxy che vuoi scaricare. Ti consigliamo i proxy per Chrome di CyberGhost e PIA VPN.
  7. Fai clic su Aggiungi a Chrome. Dovrai confermare l’installazione.
  8. Una volta scaricata, puoi aprire l’estensione proxy cliccando sulla sua icona nel browser. Questa dovrebbe trovarsi accanto alla barra degli indirizzi.
  9. Scegli la posizione del server. Potrebbe essere necessario registrarsi al servizio prima di farlo.
  10. Attiva il proxy. In questo modo ti connetterai al server proxy.
  11. Naviga verso il sito web bloccato. Ora dovrebbe essere sbloccato.

Ecco le istruzioni su come sbloccare i siti web su Firefox con un componente aggiuntivo del browser proxy:

  1. Apri il browser Firefox sul tuo dispositivo.
  2. Vai al catalogo dei componenti aggiuntivi di Mozilla.
  3. Cerca un componente aggiuntivo per browser proxy. Ti consigliamo Firefox Proxy di Surfshark.
  4. Fai clic su + Aggiungi per scaricare il componente aggiuntivo.
  5. Una volta scaricato, apri il componente aggiuntivo cliccando sulla sua icona nella barra degli indirizzi.
  6. Scegli la posizione del server. Potrebbe essere necessario registrarsi al servizio prima di effettuare questa operazione.
  7. Attiva il proxy. In questo modo ti connetterai al server scelto.
  8. Naviga verso il sito web bloccato. Ora dovrebbe essere sbloccato.

Dovrei usare un’estensione proxy del browser per sbloccare i siti?

Usa un’estensione proxy del browser se:

  • Non puoi scaricare il software VPN sul tuo dispositivo, ad esempio su chromebook o computer di lavoro.
  • Vuoi sbloccare i siti web a lungo termine, ad esempio quando sei in viaggio.

Non usare un’estensione proxy del browser se:

  • Ti preoccupa particolarmente la privacy e la sicurezza online.
  • Vuoi aggirare le misure di censura in paesi altamente autoritari.
  • Vuoi condividere informazioni personali o sensibili.
  • Stai usando Firefox su iOS o Google Chrome su uno smartphone.

NOTA: non consigliamo di utilizzare un’estensione proxy del browser per sbloccare i siti web su Safari. Apple offre un supporto limitato alle estensioni di terze parti. Pertanto, la maggior parte delle estensioni proxy sicure non sono disponibili per gli utenti di Safari.

4. Il browser Tor

Vantaggi Svantaggi
Funziona per sbloccare siti web in paesi altamente censurati Velocità estremamente lenta
Scaricabile e utilizzabile gratuitamente Non disponibile su dispositivi iOS
La rete decentralizzata massimizza l’anonimato degli utenti Non può essere scaricato su PC pubblici o dispositivi di lavoro
Utilizza una crittografia molto forte Associato ad attività criminali

Il browser Tor è un browser web gratuito e open source creato per massimizzare l’anonimato degli utenti online. È disponibile per il download su Windows, macOS, Linux e dispositivi Android.

Tor funziona crittografando la tua connessione a internet e instradandola attraverso molteplici server o “nodi” gestiti da volontari, noti come rete Tor.

Come i dati passano attraverso la rete Tor

Come la rete Tor reindirizza i dati.

L’utilizzo di Tor fa sì che i siti web non possano vedere il tuo vero indirizzo IP o la tua posizione geografica. Vedono invece la tua connessione come proveniente dalla posizione del nodo di uscita.

Puoi quindi utilizzare Tor per sbloccare i siti web soggetti a restrizioni geografiche, a patto che il nodo di uscita si trovi in un paese in cui il contenuto è accessibile.

Purtroppo, la scelta della posizione del nodo di uscita non è sempre semplice. Il browser offre un certo grado di controllo, ma non quanto quello offerto da una VPN, un proxy web o un servizio Smart DNS.

Pertanto, non consigliamo di utilizzare Tor per sbloccare contenuti in streaming, ad esempio su Netflix o HBO Max. Non solo Tor è incredibilmente lento, ma lo streaming richiede in genere di camuffare la posizione molto più preciso di quello che può fornire il browser Tor.

Dovresti invece utilizzare Tor per aggirare le restrizioni di censura su Internet imposte a livello governativo, o per massimizzare il tuo anonimato online.

Collegati a Windscribe Gratis e al browser Tor, siamo entrati nel sito Onion di ProPublica.

Collegati a Windscribe Gratis e al browser Tor, siamo entrati nel sito Onion di ProPublica.

Tor è stato progettato pensando ai giornalisti e agli informatori dei paesi autoritari. La crittografia ermetica e l’architettura di rete decentralizzata fanno sì che governi, polizia e ISP non possano tracciare la tua attività di navigazione e quindi non possano bloccarti l’accesso a determinate informazioni e siti web.

In breve, Tor è il modo più anonimo per sbloccare i siti web bloccati dal tuo governo.

Anche se l’utilizzo di Tor ti permetterà quasi sicuramente di accedere ai siti web bloccati dal tuo datore di lavoro, sappi che l’amministratore di rete vedrà che stai utilizzando la rete Tor (anche se non potrà vedere cosa stai facendo).

Potrebbe anche non essere d’accordo al suo utilizzo, a causa delle preoccupazioni sulla sicurezza di Tor. In effetti, alcuni luoghi di lavoro, università e scuole bloccano gli utenti dal scaricare il browser Tor sulla rete locale. È inoltre vietato in alcuni paesi, tra cui Cina e Russia.

Sbloccare i siti web con Tor: istruzioni passo passo

Puoi accedere ai siti .onion solo utilizzando il browser Tor.

Istruzioni passo passo su come utilizzare il Tor Browser per sbloccare i siti web:

  1. Vai alla pagina di download del progetto Tor. Puoi scaricarlo su qualsiasi computer Windows, Linux o macOS. Esiste anche un’applicazione per smartphone Android.
  2. Seleziona il tuo sistema operativo e scarica il file .exe corrispondente.
  3. Apri il file e seleziona la tua lingua dal menu a tendina.
  4. Se sei soddisfatto delle impostazioni consigliate, seleziona “Connetti“. Tor si configurerà e potrai sbloccare i siti web e navigare in modo anonimo.

È importante ricordare che l’utilizzo di Tor comporta dei rischi. Se non configuri correttamente il tuo browser e modifichi il tuo comportamento, è incredibilmente semplice rivelare la tua identità.

Dovrei sbloccare i siti usando Tor?

Usa il browser Tor browser se:

  • La tua preoccupazione principale è l’anonimato.
  • Vuoi accedere a informazioni censurate dal proprio governo.

Non usare il browser Tor browser se:

  • Vuoi sbloccare contenuti in streaming o qualsiasi cosa richieda una velocità di connessione elevata.
  • Stai cercando di accedere a siti limitati a una specifica area geografica.
  • Vuoi sbloccare siti a scuola o al lavoro.
  • Stai usando un iPhone o iPad.

5. Smart DNS

Vantaggi Svantaggi
Specializzato per lo sblocco di contenuti in streaming con limitazioni geografiche Non nasconde il tuo indirizzo IP
Velocità di connessione molto elevata Non crittografa il traffico web
Funziona su una vasta gamma di dispositivi, tra cui Apple TV e console per i videogiochi Richiede un abbonamento, anche se di solito è più economico di un abbonamento VPN
L’installazione può essere complicata per i principianti

Smart DNS è un tipo di proxy efficace per accedere ai siti web bloccati o limitati nella tua area geografica. È economico, compatibile con un’ampia gamma di dispositivi e comunemente utilizzato per sbloccare le piattaforme di streaming grazie alla sua velocità di connessione estremamente elevata.

Lo Smart DNS funziona reindirizzando le richieste DNS (Domain Name System) attraverso un server proxy in un paese di tua scelta. Si differenzia quindi dai servizi proxy e VPN, che reindirizzano tutto il traffico attraverso il server proxy.

Come funziona Smart DNS per sbloccare i siti web di streaming.

Come funziona Smart DNS per sbloccare i siti web di streaming.

Inoltrando solo le richieste DNS, i servizi Smart DNS sono in grado di raggiungere velocità molto più elevate rispetto a una VPN o a un proxy web.

Tuttavia, la velocità ha la priorità rispetto alla sicurezza. A differenza di Tor o di una VPN, un proxy Smart DNS non crittografa il tuo traffico e non nasconde il tuo indirizzo IP.

Questa mancanza di crittografia significa che i datori di lavoro, gli ISP e i governi possono vedere quali siti web visitate e quindi possono ancora bloccarti quando vogliono. Significa anche che i divieti relativi agli indirizzi IP personali saranno ancora applicati.

In questo senso, i servizi Smart DNS sono utili solo per sbloccare siti web con restrizioni geografiche o per cambiare il Paese di Netflix. Non consigliamo di utilizzare gli Smart DNS per aggirare la censura o per accedere a siti web riservati al lavoro.

Usando il servizio Smart DNS MediaStreamer per sbloccare Netflix

MediaStreamer di ExpressVPN sblocca Netflix USA.

Per sbloccare i contenuti in streaming, tuttavia, Smart DNS è spesso un’opzione eccellente. Smart DNS è solitamente più economico di una VPN, offre velocità di connessione più elevate ed è compatibile con una gamma più ampia di dispositivi.

Come sbloccare i siti web utilizzando Smart DNS: istruzioni passo passo

Come utilizzare lo Smart DNS MediaStreamer per sbloccare HBO Max su Apple TV.

Ecco come sbloccare i siti web con un servizio Smart DNS:

  1. Abbonati a un servizio Smart DNS. I più diffusi sono MediaStreamer, Control D, Smart DNS ProxyUnlocator.
  2. Registra il tuo indirizzo IP con il fornitore. Il provider scelto avrà le istruzioni su come farlo sul suo sito web.
  3. Trova gli indirizzi dei server DNS per la posizione del server desiderata. Questi dovrebbero trovarsi nella sezione “Il mio account”.
  4. Sul tuo dispositivo, vai su Impostazioni di rete > Avanzate > Impostazioni DNS.
  5. Inserisci gli indirizzi dei server Smart DNS. Fai clic su conferma.
  6. Riavvia il dispositivo. Il traffico verrà instradato attraverso il servizio Smart DNS una volta ricollegato a internet.

Dovrei usare lo Smart DNS per sbloccare i siti?

Usa lo Smart DNS se:

  • Ti interessa solo sbloccare servizi di streaming, come Netflix, HBO Max, BBC iPlayer e servizi di streaming italiani dall’estero.
  • Devi effettuare lo streaming su un dispositivo che non supporta le app VPN, come Apple TV, Xbox One o PS5.

Non usare lo Smart DNS se:

  • Stai cercando di accere a siti web non di streaming.
  • Ti preoccuoa la tua privacy e sicurezza online.
  • Sei riluttante a configurarlo manualmente nel tuo dispositivo.

Come sbloccare i siti web su diversi dispositivi

A meno che tu non riesca a risolvere rapidamente il problema modificando le impostazioni del dispositivo o passando ai dati mobili, il modo migliore per sbloccare un sito web su quasi tutti i dispositivi è utilizzare una VPN.

Questo è certamente il caso dei dispositivi in cui sono supportate le app VPN native, come i PC macOS e Windows, gli smartphone iPhone e Android e alcuni dispositivi di streaming come il Fire Stick di Amazon. Non solo la VPN è l’opzione più efficace per questi dispositivi, ma è anche estremamente facile da configurare e utilizzare.

Per i dispositivi privi di supporto VPN nativo, come Chromebook, Roku, Xbox One, PS5 e la maggior parte delle Smart TV, la semplicità di altri metodi può superare l’efficacia di una VPN.

Sulle console per i videogiochi e sulle Smart TV, ad esempio, uno strumento Smart DNS è in grado di sbloccare la maggior parte delle restrizioni geografiche senza dover impostare una VPN sul router.

Di seguito trovi un riepilogo dei metodi migliori per sbloccare i siti web su diversi dispositivi:

Dispositivo Metodo di sblocco
iPhone e Android App VPN
Chromebook Estensione Proxy del browser
MacOS o Windows PC App VPN
iPad e altri tablet App VPN
Fire Stick di Amazon App VPN
Apple TV e altre Smart TV Smart DNS
Roku Router VPN
Xbox e PlayStation Smart DNS

Infine, la scelta del metodo da utilizzare dipende dalle tue preferenze personali. Dovrai trovare un equilibrio tra efficacia, facilità di utilizzo, privacy, sicurezza e anonimato. Le informazioni contenute in questa guida dovrebbero aiutarti a prendere questa decisione.

Perché i siti web vengono bloccati o proibiti?

I siti web vengono bloccati utilizzando una serie di misure tecniche diverse, per molti motivi diversi.

Alcuni blocchi sono del tutto legittimi, come ad esempio impedire ai bambini di vedere materiale osceno online. Altri sono più discutibili, come i blocchi di internet volute dal governo che minacciano la sicurezza o le libertà dei cittadini.

I blocchi dei siti web tendono a provenire da tre gruppi principali:

Governi e ISP

La maggior parte dei governi censura in qualche misura l’uso di Internet da parte dei propri cittadini. Nella maggior parte dei paesi, questo significa impedire ai bambini di accedere a siti web dannosi e rispettare le leggi nazionali, come i diritti di proprietà intellettuale o le norme sul gioco d’azzardo.

Tuttavia, alcuni governi utilizzano la censura di internet anche per motivi politici. Questo può andare dal controllo delle informazioni a cui i cittadini possono accedere online fino all’interruzione totale di internet nei momenti di disordine civile e instabilità politica.

Queste forme di censura governativa sono più comunemente applicate attraverso i fornitori di servizi internet (ISP) del paese, ovvero i servizi di telecomunicazione che collegano il tuo dispositivo a internet.

Quando sono costretti a farlo per legge, questi ISP installano dei Firewall nella loro rete, che scansionano il traffico al suo passaggio. Il Firewall blocca la tua connessione se rileva un’attività che corrisponde a una determinata descrizione.

I Firewall possono essere impostati per rilevare particolari URL, indirizzi IP, numeri di porta, protocolli e persino alcuni tipi di contenuti di siti web (utilizzando un metodo noto come Deep Packet Inspection).

Noi consigliamo: per superare la censura del tuo ISP, usa una VPN. Questa nasconde il tuo indirizzo IP e crittografa la tua connessione, in modo che il tuo ISP non possa più vedere i siti web che stai visitando.

Amministratori di rete a scuola, all’università o al lavoro

Le scuole e le aziende spesso pongono delle restrizioni all’uso di internet da parte dei loro studenti e dipendenti. Lo stesso vale per i controlli parentali e altre restrizioni sulle reti Wi-Fi domestiche.

Questo tipo di blocco dei siti web ha solitamente lo scopo di ridurre le distrazioni e aumentare la produttività, anche se può essere utilizzato per proteggere i bambini e prevenire il malware.

In genere, i blocchi al lavoro e a scuola riguardano i siti di gioco d’azzardo, le piattaforme di social media, i siti per adulti e i servizi di streaming video. In teoria, possono essere applicati a qualsiasi sito web che l’amministratore decide di censurare.

Questi blocchi di siti web tendono ad essere implementati sotto forma di liste di blocco basate su URL o IP. Se cerchi di accedere a un URL o a un indirizzo IP della lista nera mentre sei connesso alla rete locale, la tua connessione viene bloccata.

Noi consigliamo: se utilizzi un dispositivo personale, puoi facilmente superare i blocchi dei siti web basati sulla rete locale con una VPN o un server proxy. Se utilizzi un dispositivo aziendale o scolastico, prova a utilizzare un proxy web o un’estensione proxy per i browser.

Tieni presente che l’amministratore di rete potrebbe aver implementato la lista di blocco dei siti web sul dispositivo stesso. In questo caso, l’unica possibilità è quella di utilizzare un metodo che non ti permetta di visitare direttamente il sito, come ad esempio un proxy web o un sito mirror.

Proprietari di siti web e titolari di copyright

L’ultimo tipo di blocco dei siti web proviene dai siti stessi. Ci sono molti motivi per cui un sito web potrebbe decidere di impedirti di accedervi, tra cui i costi operativi e la conformità al GDPR, ma il più comune è quello legato alle leggi sul copyright e alle normative sulle licenze.

I siti web di streaming come Netflix, YouTube o HBO Max devono bloccare i visitatori provenienti da paesi in cui i loro contenuti non sono autorizzati, al fine di rispettare la legge.

A tal fine, questi siti web utilizzano il tuo indirizzo IP per determinare la tua posizione fisica e bloccarti di conseguenza. Questa operazione viene definita “restrizione geografica”.

Questo è anche il modo in cui alcuni siti web impongono divieti personali agli utenti. Comuni nei siti di condivisione di video e di videogiochi, i divieti personali riguardano gli utenti che hanno violato in qualche modo i Termini d’uso del sito.

Noi consigliamo: per superare le restrizioni geografiche sul tuo computer o cellulare, utilizza una VPN. Sui dispositivi che non supportano le applicazioni VPN native, usa lo Smart DNS. Per la navigazione in generale e per aggirare i divieti IP personali, è meglio utilizzare una VPN.

FAQ

Qual è il metodo migliore per sbloccare siti web?

In genere, il modo migliore per sbloccare i siti web è utilizzare una VPN. Sono lo strumento più efficace per questo lavoro e offrono un mix impareggiabile di privacy, sicurezza e prestazioni.

Con una VPN puoi facilmente aggirare le restrizioni geografiche e accedere ai siti web censurati a scuola, a casa e al lavoro. L’unico aspetto negativo è il costo, ma con un prezzo medio di 3,75 € al mese, è improbabile che andrai in bancarotta.

Come si sbloccano i siti web senza una VPN?

Il modo migliore per sbloccare i siti web senza una VPN è utilizzare un proxy web o uno strumento Smart DNS.

Un proxy web è il modo più semplice per sbloccare un sito web, ma funziona solo per i contenuti basati sul testo e non è un’opzione sicura per la navigazione privata o sensibile.

Uno strumento Smart DNS è invece il modo migliore per sbloccare i servizi di streaming, ma non potrai usarlo per aggirare la censura governativa o qualsiasi altro tipo di blocco dei contenuti.

È legare sbloccare i siti web?

Nella maggior parte dei Paesi sbloccare i siti web è completamente legale.

Tuttavia, tieni presente che, accedendo a siti web riservati, potresti infrangere le regole della scuola o del posto di lavoro.

Usare una VPN per sbloccare Youtube, Netflix e altre piattaforme di contenuti è anche legale, tuttavia potresti infrangere le Condizioni d’uso del servizio.

La situazione non è però così chiara nei Paesi ad alta censura.

In alcuni Paesi, come Cina e Russia, l’uso delle VPN è limitato e l’uso di Tor è proibito. Consigliamo di informarsi sulle leggi locali prima di utilizzare qualsiasi metodo per aggirare i filtri internet governativi.